Menu
 

AZIENDA


Balbi Soprani venne creata verso la fine degli anni ’80 da Francesco Capetta come tenuta vitivinicola delle Cantine Capetta. Grande esperto e minuzioso conoscitore delle colline del Moscato, Francesco Capetta acquistò alcuni dei migliori appezzamenti nella zona di Santo Stefano Belbo e Cossano Belbo, aree da sempre vocate alla viticoltura d’eccellenza. Da allora, la missione di Balbi Soprani è valorizzare il patrimonio enologico piemontese vinificando i suoi più nobili e prestigiosi vitigni.

Viticoltura dell’eccellenza nel cuore delle colline del Moscato

PASSIONE PER IL MOSCATO


Balbi Soprani sorge nel cuore di una delle principali aree vitivinicole del Piemonte e d’Italia: le colline del Moscato d’Asti. Una vasta e meravigliosa area collinare compresa tra le provincie di Cuneo, Asti e Alessandria coltivata per lo più a Moscato Bianco, vitigno a cui sono dedicati oltre 9.700 ettari. Consapevole dell’unicità, della bellezza e della qualità vitivinicola dalla zona, Balbi Soprani si è specializzata nella coltivazione di Moscato Bianco e nella vinificazione dei suoi due vini più rappresentativi: il Moscato d’Asti Docg e l’Asti Spumante Docg, i vini dolci e aromatici più conosciuti e apprezzati a livello internazionale.

IL MOSCATO BIANCO

Il Moscato è uno dei vitigni più importanti della storia enologica piemontese. La sua origine è antichissima: i Romani chiamavano il vitigno uva apiana, perché attirava le api con la sua dolcezza, mentre nel Medioevo, a cui risalgono i primi documenti certi sulla sua coltivazione, era conosciuto come muscatus, ovvero «che ha odore di muschio», termine con cui venivano indicati i vini aromatici. Nel mondo esistono varie famiglie genetiche del Moscato, ma quella piemontese è stata identificata con il Moscato Bianco, i cui progenitori sembrano essere stati importati in Italia dalla Grecia.

IL PIEMONTE IN BOTTIGLIA


Accanto al Moscato d’Asti e all’Asti Spumante, la tenuta Balbi Soprani vinifica i portabandiera dell’enologia piemontese.

I grandi rossi delle Langhe: Barolo, Barbaresco, Dolcetto d'Alba, Nebbiolo d’Alba, Barbera d’Asti, Barbera d’Asti Superiore.
Il Gavi, punta di diamante del Gaviese, selvaggia zona collinare e boschiva del Piemonte meridionale, al confine con l’Appenino ligure.
Il Brachetto d’Acqui, spumante dolce ottenuto dal Brachetto, vitigno aromatico a bacca rossa, autoctono dell’Acquese.


Completano la gamma lo Spumante Brut Corte Castello, da uve Pinot, e il Moscato Spumante Oro di Corte, ottenuto da uve aromatiche Moscato.

×
×

Log in